Home

Storia

Rocchette QuartiereLa storia dell’asilo risale ai tempi di Alessandro Rossi. Dopo aver a lungo viaggiato nelle città nate dalla rivoluzione industriale (Londra, Parigi, Belgio, ecc) e sconvolte dalla stessa, ebbe l’intuizione di sviluppare l’industria nell’alto vicentino cercando di ridurre le immense problematiche sociali che la trasformazione di una popolazione agricola in massa operaria comportava. All’estero aveva visto città gigantesche, agricoltura, rovinata, città malsane, degrado sociale e lotte operaie.

Volendo evitare gli “errori” dello sviluppo industriale all’estero fece alcune scelte:

  • distribuire le fabbriche nel territorio evitando concentrazioni eccessive di masse umane
  • ricercare i futuri operai nelle zone agricole più povere (ad esempio la bassa padovana)
  • fornire agli operai i servizi essenziali per “legarli” alla fabbrica

Fu così che, anche a Piovene, furono costruite le case operaie. L’occupazione era in buona parte femminile (fatto eccezionale per l’epoca). merlettoLa manodopera femminile, osservò acutamente Alessandro Rossi, aveva delle esigenze particolari. Per potersi sposare una ragazza doveva avere la dote e, andando a lavorare, una giovane donna non avrebbe potuto cucirsi lenzuola, ricamare asciugamani da mostrare al futuro sposo, ecc . Andando a lavorare per la Lanerossi le giovani operaie ricevevano in dono la dote e qundi l’essere operaie non le precludeva al matrimonio.

Una volta sposata, l’operaia, fatto il primo figlio, sarebbe rimasta a casa ad accudirlo, per questo motivo il Rossi costruì l’Asilo che permetteva alle donne di continuare a lavorare.

Insomma, ci fu una felice combinazione tra esigenze dell’industria, accurata pianificazione dell’occupazione operaia e sviluppo di servizi sociali.

Ieri

Nel 1890 la Lanerossi diede l’avvio ad un Asilo a Rochette con due sezioni, affidato alle Suore delle Poverelle.

Dopo gli anni cinquanta, mutate le condizioni di lavoro, i dirigenti della Lanerossi ne decidevano la chiusura. Nel 1966 tutte le attrezzature venivano donate alla Parrocchia di Rocchette che si impegnava a proseguirne l’attività, sia pure con personale laico e non religioso.

Oggi

Scuola Materna RocchetteLa scuola materna “S. Giuseppe”, gestita dalla parrocchia di Rocchette, ha una lunga vita, ma è diventata scuola paritaria a partire dall’anno 2000. http://www.parrocchiarocchette.org/template_default.asp?nid=26&lid=5

Quest’anno ospita 69 bambini (più degli anni precedenti).

Dentro la scuola lavorano 5 insegnanti, due a tempo pieno e tre a part time, oltre ad una cuoca ed una addetta alle pulizie.

Ci sono tre sezioni di classi miste ma gli scolari si alternano continuamente in laboratori interclasse:

  • Sezione Arancione (Granchietti Piccoli + Delfini Medi)
  • Sezione Verde (Granchietti Piccoli + Balenotteri Grandi)
  • Sezione Azzurra (Delfini Medi + Balenotteri Grandi)

La maggioranza degli alunni abita a Piovene Rocchette (64), 5 provengono dai paesi limitrofi.

Tra gli alunni, 61 hanno cittadinanza italiana, 8 gli altri.

La scuola assiste un bambino certificato, seguito da una operatrice dell’ULSS e da una maestra interna.

La scuola offre il servizio di anticipo (dalle 7,30 alle 8,30) e quello di posticipo (dalle 16,00 alle 18,00), a pagamento, e questo costituisce un’opzione gradita per molti genitori che hanno difficoltà con gli orari di lavoro.

bimbi che giocanoLa scelta di una cucina interna rispetto alle monoporzioni preconfezionate è dovuta al valore che viene dato al cibo e alla volontà di un controllo costante della qualità.

La scuola fa largo impiego di volontariato da parte di giovani e meno giovani che con soddisfazione danno una mano all’interno della struttura (l’anno corso si sono alternate più di 20 ragazze che hanno scelto di passare il tempo a dedicarsi con vera gioia ai bambini).

La scuola ha una buona vocazione all’innovazione, al cambiamento, al mantenimento di un ambiente sereno e cordiale.

Il problema principale è il costo per mantenere gli stessi standard delle Scuole Pubbliche e il problema viene risolto facendo uso del volontariato.

I costi di contabilità e di Segreteria vengono assorbiti dall’impiego di personale specializzato e gratuito.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...