Home

Con i loro occhi con la loro voce

E’ un libro appena uscito dall’editore CLEUP. E’ stato scritto da Lucio Simonato, cittadino piovenese.
bakhita_luglioLucio ha sempre lavorato nel “sociale”, è abituato per lavoro a incontrare persone e soprattutto persone disagiate, in difficoltà. Eppure questo confronto continuo con i problemi non lo stanca, tanto che ha deciso di scriverci un libro.

Nulla a che fare col suo lavoro, piuttosto riguarda la sua voglia di conoscere, la sua empatia per l’uomo.

Si è laureato in Scienze Politiche, ma la sua passione per l’altro non riguarda la statistica o l’andamento dei numeri, concerne la persona, In questo caso la persona immigrata.

Il contenuto

bakhita_settembreIl libro è fatto di interviste, registrate e scrupolosamente riportate su carta, cercando di rendere il ritmo del discorso, le sue pause, senza celare sgrammaticature o frasi con sintassi scardinate.

Oltre metà degli intervistati, forse due terzi li ho incontrati per caso”: ha incontrato Kwabena in stazione dove guardava passare i treni, ha conosciuto Tawiah di notte sulla strada dove va a prostituirsi, Liu Yi era al banco del ristorante dove lavora, per parlare con Bechir è andato in una comunità dove sta scontando una pena inflitta dal giudice, Salif è stato raggiunto tramite internet, …

Le storie sono tante, trentadue, raccontano del paese d’origine, del viaggio (chi è arrivato in aereo, chi in barca, chi aggrappato sotto un camion …), parlano della famiglia, dei loro bambini (molti nati in Italia), dell’accoglienza o delle difficoltà incontrate, chi è credente parla molto della propria fede, qualunque essa sia, tutti parlano del lavoro e della crisi che li sta mettendo in ginocchio. Gli intervistati parlano con sincerità, verificata dall’autore nelle note, con calore, con tenerezza, con ricchezza di particolari di tante cose, anche intime.

bakhita_maggioPer chi legge alcune storie tendono ad assomigliarsi, ma non per Lucio, per lui ogni storia è distinta, particolare anche se ognuna appartiene alla storia universale dell’umanità.

Accenna diversi significati del termine “persona” dalla sua origine etrusca quando indicava la maschera, il volto con cui ciascuno si presenta. Passa poi a Kant dove il termine si interseca con i termini “dignità” e “rispetto”. “L’uomo come persona …, in quanto fine in sé, possiede una dignità, cioè un valore intrinseco assoluto; rispettare le persone come fini in sé implica il riconoscimento di ogni persona come un altro sé”. Per arrivare infine a papa Giovanni Paolo II  “il valore e la dignità di ogni essere umano in quanto tale, senza alcuna distinzione di razza, nazionalità, religione, opinione politica, ceto sociale”.

Un’esperienza

bakhita_dicembreEsprimendo rispetto, Lucio Simonato ha affrontato l’incontro con gli altri; pur avendo molto da dire in proposito, si è preparato agli incontri con cura per avere “la pazienza di ascoltare quanto ci viene detto senza trarre subito conclusioni”. Ha voluto porsi al servizio degli altri per dare voce a chi difficilmente trova ascolto. Ma questo atteggiamento non si è tradotto in passività, quando lo incontri vedi che per lui il libro è stato anche un viaggio interiore (mi viene in mente Tiziano Terzani per il quale ogni viaggio era a un tempo fuori nel mondo e dentro sé stesso).

bakhita_pre_webHo conosciuto persone che, con il loro raccontarsi senza limiti, senza condizioni, mi hanno stupito, emozionato, e soprattutto mi hanno permesso di compatire (〈soffrire insieme〉). … Tante volte ho pensato, ho sperato 〈almeno potessimo fare questo!〉. Sapendo che non abbiamo la capacità né il cuore, purtroppo, per risolvere tutti i grandi problemi che opprimono l’umanità, potessimo almeno compatire tanti nostri fratelli”.

Non è però un racconto triste il libro di Lucio, parla anche di entusiasmo, di trasporto, descrive “il nostro mondo colorato di milioni di colori diversi, tutti unici perciò straordinari”. E ci colpisce l’eccezionalità di ogni incontro, e le parole ci portano dove non avremmo immaginato.

Echi del libro

Anche se tratta di persone che vivono soprattutto nella nostra regione o ad un passo da casa nostra, è un libro che parla del mondo e desta interesse anche molto lontano.

Il libro è stato richiesto da

  • Gruppo Abele/Roma
  • CSV-Centro Servizi Volontariato/Vicenza
  • Rivista Nigrizia/Verona
  • Biblioteca Bertoliana/Vicenza e diverse Biblioteche locali
  • Centro Europeo di Studi del Ministero di Grazia e Giustizia.

ottobre-2013-_Roma_con-Cam-comLucio Simonato è stato invitato a presentare il libro (momento letterario) nell’ambito di un noto Festival “Ottobre africano” (nel 2013 ha coinvolto Reggio Emilia-Parma-Milano-Roma) organizzato dall’Ass. Mondattivo (RE)

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha segnalato il testo alla Direzione Generale per la Comunicazione ed il settore Cultura del Portale Integrazione Migranti (Governo.it) gli ha chiesto un’intervista.

Il libro è già stato recensito da siti e blog:

Lucio SimonatoIn settembre sono in programma delle presentazioni a Piovene, Thiene, Marano. Per Schio ha in cuore un progetto che coinvolge giovani violoncellisti dell’Accademia musicale, i PontiCelli, che accompagneranno alcuni amici immigrati mentre leggono passi del libro.

Il libro

Lucio Simonato, Con i loro occhi con la loro voce, Cleup Editore, Padova 2014 € 16,00.

Prefazione di Valter Zanin, ricercatore e professore di sociologia delle organizzazioni presso la Facoltà di Scienza Politiche l’Università di Padova.

Cover  front ___ Lucio SIMONATO _ Con i loro occhi

 


Samarcanda_onlusLe immagini

Quasi tutte le foto presenti in questo articolo sono state gentilmente fornite dalla cooperativa Samarcanda onlus. Si tratta di una cooperativa sociale onlus che ha sede a Schio. Si occupa, tra l’altro, della casa di accoglienza Bakhita che offre, per chi ha bisogno, servizi di pronta accoglienza, di accoglienza prolungata, mensa, attività occupazionali e di socializzazione, docce e lavanderia, … (vedi http://www.samarcandaonlus.it/casabakhita.htm)

Da alcuni anni la cooperativa e casa Bakhita pubblicano un calendario, ogni calendario è anche un progetto che coinvolge numerose professionalità nel campo della comunicazione, ditte, sponsor, ospiti di casa Bakhita, … Oltretutto si tratta di progetti grafici/fotografici di elevata qualità.

Il calendario è il frutto di un progetto nato a Casa Bakhita nel 2010 con l’intento di mostrare “le forme nascoste del bello” che questo luogo racchiude. Giunto alla quarta edizione, il calendario si è allargato andando a coinvolgere, per volere di Cooperativa Samarcanda, tutti i sei centri della Rete Provinciale di inclusione sociale.
La Rete nasce nel 2003 su iniziativa della Caritas Diocesana Vicentina che si è fatta carico di interloquire con le amministrazioni locali e le ULSS di competenza, trovando il sostegno della Fondazione Cariverona.
Attorno al progetto Calendario si è raccolto nel tempo un eterogeneo gruppo di lavoro formato da educatori, curatori, giovani creativi, esperti di marketing e comunicazione coinvolti assieme ad un gruppo di giovani del territorio che partecipano e sono motore e linfa per le attività sostenuti da un bando europeo di Youth in Action.

I proventi della diffusione di questo calendario sono impiegati per il sostentamento delle case e dei loro ospiti, che sono coinvolti in prima persona nella promozione del calendario, nonché reinvestiti nella realizzazione di laboratori educativo-creativi e nella prossima edizione del calendario.

MondattivoOttobre africano

Si tratta di una iniziativa annuale (ha già superato i 10 anni di attività)  che coinvolge città diverse e mira alla costruzione di collegamenti tra popoli e culture diverse. Ogni anno partecipano personalità politiche, cantanti, scrittori, registi, persone comuni.

E’ organizzato da MondAttivo. Si terrà dal 6 al 27 ottobre a Parma, Reggio Emilia, Milano, Roma. Quest’anno è invitato anche Lucio Simonato per la presentazione del suo libro. http://www.ottobreafricano.org

Annunci

2 thoughts on “Con i loro occhi

  1. Pingback: Trentasei013 | Accogliamo le Idee

  2. Pingback: Ritratti in bianco e nero | Accogliamo le Idee

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...