Home

L’Unione Montana

FusineNella fanno parte i Comuni di

  • Schio
  • Piovene Rocchette
  • Santorso
  • Torrebelvicino
  • Valli del Pasubio
  • Posina
  • Monte di Malo

Non è escluso che altri comuni chiedano di aggregarsi. Questo darebbe più forza all’ente.

Una struttura partitica?

litePer come sono organizzate le strutture decisionali, i partiti hanno poco spazio. Il Consiglio non è organizzato in maggioranza e minoranza. Se anche si volesse tenere distinti i rappresentanti delle maggioranze dai rappresentanti delle minoranze, le maggioranze di un comune sono diverse dalle maggioranze degli altri comuni. Di fatto i partiti sono poco rappresentati.

Secondo la volontà di tutti i consiglieri e del Presidente eletto, l’Unione dovrebbe operare senza logiche di partito, ma promuovendo interventi unitari senza divisioni di maggioranze o minoranze.

La struttura decisionale

Gli organi amministrativi del nuovo ente sono: il Consiglio, il Presidente e la Giunta.

Il Consiglio comprende tre rappresentanti per ciascun comune:

  • il Sindaco
  • un consigliere comunale eletto dalla maggioranza
  • un consigliere comunale eletto dalla minoranza

stemma PioveneRappresentano il Comune di Piovene Rocchette:

  • Masero Erminio, sindaco
  • Gianluca Tomiello scelto dalla maggioranza
  • Renzo Priante scelto dalla minoranza

Il Presidente è uno dei Sindaci, nel consiglio del 29 dicembre 2014 è stato eletto Valter Orsi con l’unanimità dei consensi.

La Giunta è formata da 3 assessori scelti dal sindaco.

Presidente e Giunta durano in carica 2 anni, il presidente uscente non può essere confermato; questo comporta una certa rotazione negli incarichi.

Crisi dei Comuni

Negli ultimi anni i Comuni hanno perso buona parte delle risorse, hanno meno possibilità di investimento, stanno riducendo il personale, hanno un bilancio estremamente misurato. Se questo è servito per limitare sprechi nei comuni poco virtuosi ha comunque comportato difficoltà per tutti.

Una delle difficoltà che hanno gli enti locali è dovuta alla grande frammentazione del territorio. Si confrontino i seguenti comuni, tutti vicini a noi (1).

confronti

Valli d. P. ha 1/7 degli abitanti di Thiene, ma una superficie comunale 2,5 volte più estesa. La sua possibilità di spesa pro capite è un po’ superiore, ma se il confronto si fa sui kmq da gestire, il confronto è drammatico.

Posina ha una disponibilità di spesa per abitante tripla di Thiene, ma la situazione è preoccupante, la sua disponibilità economica a parità di superficie è 29 volte inferiore.

Dalla tabella soprastante si comprende chiaramente che la disponibilità finanziaria di un comune dipende dal numero di abitanti e non dalla vastità del territorio da gestire (2).

La conclusione è una:

per avere più risorse occorre avere più abitanti.

Comuni più grandi?

Civitanova PolesineDa tempo si parla di aggregazioni comunali, ma le resistenze sono molte e non del tutto immotivate.

Recentemente sei comuni della provincia di Rovigo hanno proposto di unirsi in uno solo: Civitanova Polesine. Ma le polemiche contro l’unione sono state feroci e al referendum i cittadini hanno respinto l’unione.

Il senso dell’identità è più forte della razionalità, l’attaccamento alla propria bandiera è più forte dei vantaggi.

Se in pianura dei comuni confinanti non riescono a unirsi, come ci riusciranno in montagna dove un crinale e strada non sempre facili da percorrere separano un territorio da un altro?

Sopprimere i comuni più piccoli per crearne di maggiori sembra una strada poco praticabile.

Aggregare i Comuni?

Nella valle dell’Astico 3 comuni (Valdastico, Pedemonte, Lastebasse) si sono uniti mantenendo separati consigli comunali, eleggendo 3 sindaci e 3 giunte, ma unificando gli uffici:

  • l’ufficio Lavori pubblici si trova a Valdastico,
  • per le pratiche edilizie occorre andare a Lastebasse,
  • per i tributi ci si rivolge a Pedemonte.

Si mantiene l’identità, ma si condividono i servizi, diminuiscono le spese, aumentano le risorse.

Tuttavia, anche uniti, i tre comuni arrivano appena a 2.349 abitanti.

Oggi questo non basta più, occorre crescere e costruire aggregazioni molto più grandi.

AVAD’altra parte le funzioni complesse vengono già oggi gestite a livello sovracomunale.

L’Unione Montana sarà un aggregatore in grado di unire i comuni aderenti, potenziare i servizi, intercettare finanziamenti, porsi come polo produttivo turistico culturale?

Non sappiamo se ci riuscirà, ma sappiamo che potrebbe farlo.

Nel prossimo articolo ci occupiamo del territorio dell’Unione Montana Pasubio Alto Vicentino.

La prima parte dell’articolo si trova qui


(1) I dati relativi alle entrate del Comune sono ricavati dal sito http://www.openbilanci.it Potrebbero differire dai dati ufficiali ma sono utili come ordine di grandezza per il confronto. Noi abbiamo preso i dati consuntivi 2012.

(2) A parità di risorse con Thiene Valli del Pasubio, col proprio bilancio, dovrebbe gestire una superficie di territorio pari a 3,8 kmq, ovvero poco più della superficie strettamente urbanizzata. E gli altri 45 kmq? Se il territorio montano e le risorse paesaggistiche non sono degli abitanti di Valli del Pasubio, ma sono di tutti, la complessa gestione non dovrebbe ricadere così pesantemente sulle spalle del Comune. D’altronde non è un mistero che il dissesto del territorio montano si manifesta in parte in loco, ma in misura molto maggiore nei comuni a valle, come l’alluvione del 2011 ha mostrato.

2 thoughts on “Unione Montana “Pasubio Alto Vicentino”_2

  1. Pingback: Un anno dopo (2) | Accogliamo le Idee

  2. Pingback: Unione Montana “Pasubio Alto Vicentino”_1 | Accogliamo le Idee

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...