Home

Una pellicola

suolo“Il suolo è una pellicola che avvolge tutto il pianeta, terre emerse ovviamente. Pochi sanno che è una pellicola davvero sottile perché ha uno spessore che varia di da 70 a 200 cm. E’ tutto lì” (1)

Si tratta però di un vero e proprio organo vitale che protegge il pianeta dalle variazioni atmosferiche, dagli sbalzi di temperatura. E’ un’interfaccia tra quello che c’è sotto e l’atmosfera, è il laboratorio di energia e materia prima fondamentale per la vita di “quelli che stanno sopra” cioè noi (tra gli altri esseri viventi).

Una ricetta perfetta

Il suolo è una miscela porosa di

  • sostanze inorganiche (minerali)
  • sostanze organiche (carbonio)
  • aria
  • acqua

Variando le componenti di queste 4 componenti (più uno, la vita presente nel suolo) si ottiene una varietà immensa di suoli da quelli semi desertici alle fertilissime risaie tropicali.

Soffermiamoci sul Carbonio.

CO2Il suolo è pieno di carbonio sia sotto forma minerale (rocce calcaree) sia sotto forma organica. Una foglia che cade, un ago di pino, un calabrone o un cervo o un uccello che finiscono i loro giorni, lo sterco di mucca, cane, cervo, lumaca, vipera forniscono carbonio prezioso al suolo. In natura nulla muore quando cade a terra, tutto torna cibo.

Sembra strano, ma il suolo è in grado di incorporare una quantità di carbonio circa doppia rispetto alla foresta che vi cresce sopra. Inoltre trattiene il carbonio per centinaia di anni e non per i tempi più brevi di un albero (2).

Quindi la lotta per la riduzione delle emissioni di CO2 ha bisogno di una politica orientata alla forestazione, ma ancor più di una politica di tutela del suolo.

Una miscela vivente

talpeBatteri, funghi, acari, lombrichi, formiche, ragni, millepiedi, lumache, chiocciole anfibi rettili, mammiferi come talpe e topi, piccoli uccelli. Chi prova ribrezzo non dovrebbe leggere questo paragrafo.

Per gli altri, si sappia che il suolo brulica di vita, in un metro quadrato di terra c’è una quantità di nematodi che varia da 1 a 10 milioni di esemplari, Darwin contò 133.000 vermi (400kg) per ettaro.

La maggior parte di questi esseri sono essenziali per le colture agricole e sono un laboratorio eccezionale di biodiversità.

Suolo e sostenibilità

Un futuro sostenibile non può fare a meno della salvaguardia del suolo e di favorire quelle attività che non lo compromettano.

Infatti vi sono alcune minacce che possono compromettere il ruolo benefico del suolo.

1_Sigillatura o impermeabilizzazione

1° aspetto. La permeabilità è la capacità di farsi attraversare dall’acqua, di spostarla negli strati più profondi per farla riemergere decine di km più a valle. Un suolo impermeabile costringe le acque a correre in superficie o a essere incanalate in apposite tubazioni.

Una superficie urbanizzata ha un grado di impermeabilizzazione del 95% e quindi solo il 5% dell’acqua viene assorbito naturalmente dal terreno il restante 95% deve essere incanalato dall’uomo con costi significativi.

2° aspetto. L’impermeabilizzazione comporta l’asportazione di quella materia vivente che è il suolo, l’eventuale suolo rimasto intrappolato sotto asfalto, le fondazioni, le tubazioni perde buona parte delle proprietà benefiche che aveva prima.

2_Erosione

erosioneIl vento, l’acqua corrente, il ghiaccio, la gravità minacciano naturalmente il suolo. Non si tratta di numeri da poco dato che si perdono 3 tonnellate di suolo ogni anno per ogni abitante della terra (3).

Alcune azioni dell’uomo possono favorire l’erosione: la rimozione di un bosco espone il suolo all’azione erosiva del vento o dell’acqua se il terreno è in pendenza.

3_Impoverimento della materia organica

Anche incendi, pratiche agricole intensive, arature troppo profonde possono minacciare il suolo.

4_Perdita di biodiversità

Talvolta anche l’uso di sostanze tossiche ad una sola delle componenti vitali del suolo, ad una sola delle specie vegetali o animali della catena vitale può ridurre sostanzialmente la biodiversità e impoverire il suolo.

5_Contaminazione e inquinamento

Di solito la causa è l’uomo con pratiche scorrette: stoccaggio rifiuti, dispersione di oli, sversamento di ammoniaca, residui di trattamenti fitosanitari o antiparassitari sono alcune delle cause.

6_Salinizzazione

salinizzazioneStrano ma vero. Un eccesso di irrigazione può portare i sali a risalire dalla componente minerale al suolo agricolo. Secondo l’enciclopedia Treccani la salinizzazione interessa

“un quarto delle terre irrigate, soprattutto nei paesi medio-orientali, in Africa settentrionale, in India e in Cina; essa è considerata una delle principali cause dell’estendersi dei fenomeni di desertificazione”. (http://www.treccani.it/enciclopedia/salinizzazione/)

7_Compattazione

Il suolo viene continuamente attraversato dall’acqua, dall’aria, dai gas, gli scambi sono continui. Un’eccessiva compattazione riduce la porosità e la possibilità di scambi.

8_Frane, smottamenti, colate fangose, …

franeConosciamo bene il problema.

soldiPerché parliamo del suolo?

Perché ha risvolti significativi sulle nostra tasche e corriamo il rischio di accumulare costi sempre maggiori, con facilità e senza accorgercene. Così come nei decenni scorsi non ci siamo accorti che stava aumentando a dismisura il debito pubblico con costi che oggi hanno un peso insopportabile sulle nostre tasche e che facciamo fatica a sopportare (4).

Ne parleremo in un prossimo articolo …


NOTE

(1) Paolo Pileri, Che cosa c’è sotto, Altreconomia edizioni, Milano 2015. Pag 13. Una recensione si trova qui http://www.altreconomia.it/site/ec_articolo_dettaglio.php?intId=281

(2) http://globalsoilweek.org/wp-content/uploads/2014/11/GSW_factsheet_Fertile-Soils_en.pdf

(3) Paolo Pileri, Che cosa c’è sotto, Altreconomia edizioni, Milano 2015. Pag 31

(4) Circa i problemi di una gestione distratta del suolo vedi anche https://accogliamoleidee.wordpress.com/2014/08/23/acqua-e-fango/

Cosa c'è sotto

3 thoughts on “Il suolo

  1. Pingback: La seicento | Accogliamo le Idee

  2. Pingback: Suolo impermeabile | Accogliamo le Idee

  3. Pingback: Suolo e paesaggio | Accogliamo le Idee

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...