Home

Che futuro avranno questi bambini?

bambini

e se saranno donne?

Preparato questo mosaico di volti ho chiesto a mio figlio

secondo te sono maschi o sono femmine?

Lui ha guardato con attenzione e poi candidamente ha risposto

sono bambini”.

Cercavo parole efficaci per far riflettere le persone, perchè partiamo tutti dallo stesso punto e poi, poi le cose cambiano. Cultura, geografia, costumi, religione e altro condizionano la nostra esistenza.

Nasciamo tutti diversi.

Lineamenti, colore della pelle, consistenza dei capelli, occhi. Una cosa ci distingue da subito, spesso ancor prima di vedere la luce: il sesso. Prima di essere qualunque altra cosa siamo

maschi o femmine, uomini o donne.

Questa è la prima differenza. C’è voluto un ragazzino di 13 anni per trovare la formula giusta, “sono bambini” sono solo bambini.

Lasciare che questi bambini crescano senza differenze di opportunità è il modo più intelligente per costruire un futuro equilibrato e variopinto. Le donne non vogliono somigliare agli uomini, è questo che dobbiamo ricordare. La diversità deve essere considerata un’importante ricchezza per l’essere umano. La civiltà si è sempre evoluta grazie alla contaminazione.

Uno spettacolo

Sabato 5 marzo a Piovene Rocchette verrà rappresentato lo spettacolo CATENE VIOLENTE ad opera della compagnia I CAPTANAUTI. La serata è stata organizzata dal Gruppo di Acquisto Solidale “LiberoGasPiovene” ed è aperto a tutti, (uomini compresi).

Al centro dell’evento un forum che racconta la difficile storia di una donna in una comune famiglia italiana, dove piano piano emerge una distruttiva violenza quotidiana e un amore intessuto di possesso e controllo. Le storie di queste donne e di questi uomini si moltiplicano: ci interrogheremo, attraverso lo strumento teatrale, come affrontare questo tema superando l’inerzia, l’indifferenza e la fissità dei ruoli del maschile e del femminile.

Che cos’è il Teatro-Forum

Utilizzato per riflettere e confrontarsi su importanti questioni sociali, il Teatro Forum porta in scena una storia di conflitto, una situazione oppressiva, complessa, che lascia il pubblico con una certa amarezza e spesso con un senso di indignazione di fronte all’ingiustizia. Questo sentimento e’ la molla di partenza capace di mettere in moto non solo un dibattito acceso e costruttivo all’interno del pubblico, ma anche il gioco vero e proprio del teatro-forum, potente strumento di coinvolgimento del pubblico che non resta passivo di fronte a storie che lo riguardano direttamente, ma e’ invogliato a cambiare la propria realta’ partendo dall’esperienza di ciascuno, nel rispetto della diversita’ dei punti di vista.

Aspettando l’8 marzo

Volantino teatro forum 5 marzo 2016Sabato 5 marzo alle 20,30 presso la sala della biblioteca di Piovene Rocchette uno spettacolo teatrale. Organizzato dal Gruppo di Acquisto Solidale LiberoGasPiovene.

Ideazione ed elaborazione grafica di Silvia Pianalto

One thought on “Catene violente

  1. Pingback: Donne e violenza | Accogliamo le Idee

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...