Home

Le spese programmate

Il bilancio è elaborato secondo un programma triennale di entrate e spese. Nella seduta del consiglio del 23 marzo si doveva esaminare questa programmazione attraverso due documenti:

  • Il Documento Unico di Programmazione 2016-18 (DUP)
  • Il Bilancio di Previsione 2016-2018

burocraziaSi tratta di qualche centinaio di tabelle riportanti le spese organizzate per capitoli , codici, programmi, missioni, ecc. Molte sono le ripetizioni in quanto gli stessi dati possono essere presentati secondo classificazioni diverse.

Il bilancio è un documento importante: definisce il modo in cui l’Amministrazione (Sindaco e Giunta) intendono impiegare i 7 milioni di euro disponibili ogni anno.

Dato che il bilancio deve essere in pareggio e le risorse sono limitate è chiaro che una maggiore spesa per qualche settore/programma o riceve risorse aggiuntive da finanziamenti oppure sottrae risorse agli altri programmi.

E’ stato un Consigliere di minoranza, Priante, a chiedere che la Giunta esponesse le proprie intenzioni di spesa e illustrasse il  bilancio.

Risponde il Sindaco.

Nel predisporre il bilancio abbiamo tenuto conto di tutto, abbiamo tenuto conto del bene comune del pubblico, abbiamo tenuto conto della viabilità, di quella che è sicurezza, quello che è il discorso pubblico a livello di alienazioni, quello che è l’intervento sul territorio mirati al consolidamento di quelli che sono le nostre risorse montane … Abbiamo tenuto conto per quanto riguarda il settore scolastico cultura, per quanto riguarda sicurezza, per quanto riguarda il sociale. Quindi è un bilancio che mira ad essere più o meno al servizio del cittadino. Non sono stati tolti servizi, anzi ….

A seguire parlano gli altri assessori, poi il Sindaco ritiene utile far parlare anche gli altri consiglieri, di maggioranza s’intende, e ognuno parla di quello che vorrebbe fare o sta facendo.

La domanda era centrata sul bilancio, purtroppo si parla di tutto ma non vengono esposte cifre. Non si dice quali programmi sono prioritari e a quali spese si è dovuto rinunciare. Tutto è stato soddisfatto, apparentemente.

Non è così, naturalmente. Tutti i comuni hanno problemi di bilancio, molte spese devono essere rinviate, a qualcosa si deve rinunciare, ma dagli interventi dell’Amministrazione tutto questo non trapela.

Non possiamo riportare qui tutti gli interventi perché troppo lunghi e durano più o meno un’ora. Se volete sentirli basta andare alla registrazione completa (https://youtu.be/LL1QVnS4aIA) e ascoltare dal tempo 3:02:30 a circa 3:54:20 circa.

Una verifica

Se l’amministrazione non riesce a spiegare quello che  si può fare e quello che non si riesce a fare, tocca ai consiglieri di minoranza controllare i dati e spiegare le cifre.

Avete capito bene siamo stati noi consiglieri di minoranza a spiegare le cifre ai colleghi di maggioranza.

L’anno scorso ci fu una seduta di bilancio piuttosto burrascosa. Ne parlarono anche i giornali e una sintesi la potete trovare anche qui: Consiglio Comunale e soldi dei cittadini 3

Noi consiglieri di minoranza andiamo a controllare quelle centinaia di pagine e poi le riassumiamo in tabelle in modo da avere chiara la situazione.

E abbiamo scoperto …

… che la nostra battaglia è stata positiva. La nostra ferma denuncia ai tagli a scuola, cultura, sociale ha fatto riflettere l’Amministrazione e questo ha comportato delle modifiche positive nella spesa.

E qui occorre fare una parentesi. 

  1. Per rendere la spesa più vicina alle esigenze dei cittadini non basta chiudersi una stanza e decidere come impiegare i soldi. Perché in questo caso sembra che tutto vada bene anche quando non è vero. (E’ quello che il  Sindaco percepisce di sé stesso)
  2. Il ruolo di controllo della minoranza è fondamentale. I consiglieri di minoranza rappresentano una fetta di elettori doppia rispetto alla maggioranza e le loro osservazioni sulla spesa dovrebbero essere prese in considerazione.
  3. I consiglieri di minoranza sanno tenere monitorate le spese. I loro spunti sono preziosi e sono sempre propositivi.

Da notare il fatto che un consigliere di minoranza riconosce le positive correzioni al bilancio. Se si è arrivati quindi a un migliore impiego delle risorse sono stati necessari due fattori:

  • una minoranza che studia i documenti e propone modifiche
  • un’amministrazione che accetta le proposte e modifica i propri impegni di spesa (anche se a parole non lo riconosce)

Ma vediamo dunque la tabella seguente.

Bilancio 2015 correzioni

Per comodità abbiamo evidenziato in rosso le minori spese e in verde le maggiori spese. Gli elementi più importanti riguardano

  • Istruzione prescolastica: c’è stato un piccolo taglio
  • Altri ordini di istruzione (scuola elementare e media): il taglio previsto è stato pesante (- 27.000 €) nel corso dell’anno c’è stato un parziale recupero
  • Attività culturali: dopo il taglio iniziale, c’è stata una positiva inversione di rotta
  • Interventi per l’infanzia: c’è un positivo aumento delle risorse
  • Servizi sociosanitari: il pesante taglio è stato in parte corretto (1).

Soldi e divise

Orchestra giovanile Alpe AdriaSe nel complesso si è visto un ripensamento delle spese, c’è un programma che è cresciuto senza sosta: le spese per la Polizia Locale appaiono fuori controllo. Solo un anno fa il Sindaco aveva detto che “i vigili si pagano da soli“.

A novembre una variazione di bilancio aveva certificato un buco di circa 31.200 euro. Avevamo chiesto di tenere sotto controllo le spese, ma il Sindaco non ha accettato consigli: non ce n’è bisogno, entro fine anno il tutto sarebbe andato a posto.

Purtroppo non era vero e Il Consigliere Priante fa notare: il nuovo bilancio certifica che per i vigili dobbiamo pagare quasi 50.000 euro ogni anno da qui al 2018.

Risponde il Sindaco e dà troppe risposte. “L’anno scorso si pensava che i vigili si pagassero da soli“, ammette. Poi infila una serie “spiegazioni”:

  • Le sanzioni entro i primi 5 giorni vanno ridotte del 30%” (l’anno scorso non lo sapevamo?)
  • Il servizio di vigilanza non serve per far le multe, ma soprattutto per la sicurezza “
  • Il distaccamento di Polizia è al servizio di tutta la valle …” (2)
  • Le sanzioni accertate sono di 203.000-204.000 euro, si avvicina abbastanza a quella cifra lì” (Non è proprio così: vedi in appendice (3))
  • Fintantoché Piovene Rocchette sarà indice di continui ricarichi di traffico lungo la provinciale …
  • Purtroppo per chi da una parte o dall’altra non fa andare avanti l’autostrada o una viabilità alternativa
  • Gran parte delle spese dei nostri vigili sono dovute soprattutto a beghe tra i cittadini

Nessuno mette in dubbio l’utilità della Polizia Locale, come nessuno mette in dubbio l’utilità della scuola, l’importanza della cultura, la fondamentale utilità dei sostegni alla famiglia.

Siccome stiamo parlando di bilancio come si fa, in un solo anno a sbagliare le previsioni e a certificare un deficit di 47.700 €?

Quanto costa la Polizia Locale ai cittadini di Piovene Rocchette?

Osservate la seguente escalation (4):

2016-04 manVigili1.png

Oltre allo stanziamento di 47.700 € per ognuno dei prossimi 3 anni occorre aggiungere altre spese:

  • Per ristrutturare l’immobile che ospita i vigili abbiamo speso 55.000 €.
  • Regaliamo l’affitto ai Vigili (a Schio invece lo pagano).
  • Paghiamo noi tutte le bollette (a Schio invece pagano loro le utenze di luce, acqua, gas, ecc).

In sintesi.

Le spese sono andate fuori controllo, in un solo anno le previsioni di spesa sono passate da 209.878 (fine 2014)  € a 274.700 (fine 2015)

+ 64.822,00 €.

Entrate da sanzioni amministrative 2015Le entrate sono andate fuori controllo. Ecco le previsioni di entrata da sanzioni amministrative

  • Aprile 2015: entrate previste € 279.900
  • Novembre 2015: entrate previste € 248.700 (variazione di bilancio 20150000009)
  • Consuntivo 2015: entrate certificate € 184.322,88

– 95.577,12 €.

Le previsioni sono risultate errate sia sul piano delle entrate sia sul piano delle spese.

Continua …

 

I consiglieri di minoranza

Vedi anche


NOTE

(1) Alcuni programmi sono più complessi da interpretare, alcune riduzioni di spesa possono essere dovute a risparmi o fattori contingenti.

(2) Il distaccamento di Polizia Locale di Piovene Rocchette è al servizio dell’intera vallata dell’Astico? In teoria SI, in pratica NO:

Cogollo del Cengio non aderisce al consorzio,
• i comuni di Carré, Caltrano, Chiuppano, Zané aderiscono al Consorzio di Thiene,
• i Comuni della Valle dell’Astico usufruiscono poco del servizio.
Di fatto i Vigili prestano servizio prevalentemente a Piovene Rocchette e noi paghiamo tutte le spese

(3) Altro che 203.000-204.0000 euro di incassi! Il rendiconto finale certifica che le sanzioni amministrative (cap 3010132) sono state 184.322,88 contro le 279.900 previste nell’aprile 2015. Si sta aprendo un buco contabile enorme e il Sindaco neppure se ne accorge.

(4) Per informazione, pubblichiamo due estratti del Consiglio Comunale del 24 novembre 2015.

Il consigliere Priante segnala la presenza di un buco di 30.000 euro nel bilancio relativo alla voce della Polizia Locale.

Il Sindaco garantisce che i conti sono provvisori e che “più o meno entro il 31/12 dovremmo andare abbastanza a regime“. 

Come abbiamo visto, le previsioni del Sindaco erano errate e ora dobbiamo aggiungere non “10.000 euro”, ma circa 150.000 euro in tre anni, ma probabilmente saranno di più…

…. a meno che il Sindaco non ascolti i consiglieri di minoranza

4 thoughts on “Soldi e divise

  1. Pingback: Spigolature | Accogliamo le Idee

  2. poveri comunisti siete ridicoli pieno sostegno a chi crede e investe in sicurezza con voi paese pieno di rom e profughi falsi almeno il ns sindaco si prende delle responsabilità e le difende seminare zizzania vi fa solo perdere credibilità continuate così per il bene del paese buon lavoro

    Mi piace

    • Buon giorno Alberto,
      Le consigliamo di rileggere l’articolo soprastante. I consiglieri di minoranza non sono contrari alle spese per la Polizia Locale, tali spese sono utili e, in una certa misura, doverose.
      La discussione è nata sul bilancio (la seduta consigliare era dedicata a quello).
      Dai documenti ufficiali dell’assessore al bilancio (Erminio Masero) emerge che le previsioni sono state sbagliate e non di poco. Si prevedeva di pagare la Polizia Locale con le entrate da sanzioni.
      Ci si è accorti che la previsione era clamorosamente errata e non di poco. Tra previsioni e consuntivo la differenza è di – 95.000 euro. Rapportate a una somma di 270.000 € l’errore è pari a 1/3.
      Non le sembra che un amministratore dovrebbe cercare di monitorare entrate e uscite e adattare il bilancio alle effettive possibilità?
      Se le entrate sono così diverse dal previsto non le pare che si dovrebbero misurare anche le spese in modo da tenere un certo equilibrio?
      Noi pensiamo di si e proponiamo di ridurre le uscite e in proporzione alle entrate.
      Pensiamo anche che, dati i problemi economici del Comune, non sia il caso di regalare affitto dei locali e spese degli allacciamenti al Consorzio di Polizia Locale.
      Lei pensa che il nostro ragionamento sia errato?

      Mi piace

  3. E’ evidente che che abbiamo degli amministratori poco accorti. Come cittadina di Piovene confido sempre di più su Accogliamo le idee per la competenza e la perseveranza nel divulgare le notizie. Credo che tutti i piovenesi dovrebbero ringraziarvi. E adesso le entrate mancanti dove andranno a cercarle ?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...