Home

Planimetria Piovene

A fianco del “Castello degli spiriti“, al numero 3 della mappa sopra segnata, vi è uno dei più bei palazzi di Piovene Rocchette. E’ un’elegante villa cinquecentesca. Vi si accede da via Libertà attraverso un portale ed è lì sulla sinistra, adiacente alle rovine di Villa Fraccaroli.

Villa Verlato

La facciata è caratterizzata da un lungo porticato al piano terra con semplici colonne tuscaniche portanti archi a tutto sesto. La facciata è leggermente asimmetrica dato che il poggiolo e le finestre al piano primo sono disassate rispetto al porticato del piano inferiore, come se i due piani fossero stati costruiti in momenti diversi seguendo logiche differenti. Ed effettivamente questa villa ha…

… una storia antica

XVI secolo

Il primo documento che parla di questa villa risale al 1544, si tratta del Balanzon (1)  del Vicariato di Schio. Descrive una casa in contrada Gregorij e appartiene agli eredi di Domenico Verlato: “una casa da muro dopo et solari con corte orto e brolo ed un poco de ripa in tutto un quarto con tezza da coppo de cassi quattro in dette pertinenze in contrà di Grigori appresso li eredi de Valente de Gregorij et li eredi de Zanmaria Mozzo. Ha un valore di 70 ducati. Allora la proprietà era composta di 4 vani, casa, orto e cortile (1).

Nel 1563 la proprietà viene ampliata con l’aggiunta di una casa nuova con fienile a due “cassi (vani). La proprietà aumenta il proprio valore di 50 ducati.

La data del 1567 è scritta sul camino del salone al primo piano della Villa ed è stata scoperta in occasione dell’ultimo intervento. Possiamo dunque ipotizzare che la villa sia stata costruita nel 1563 e affrescata negli anni successivi.

villa-verlato-mappa-1606

Villa Verlato in una mappa del 1606 (Tesi di Laurea Sala-Cavedon)

XVII secolo

Non si hanno notizie di eventuali interventi di ampliamento o rifacimento. Nel 1665 si ha notizia che i proprietari appartengono alla famiglia Verlato, si tratta di Nicolò assieme ai fratelli Bernardino e Giacomo figli di Sertorio. La proprietà è definita “una casa dominicale in contro della Gregorij, si chiama Casa Verlata“.

XIX secolo

Mancano documenti relativi a tutto il settecento. Nel 1809 la proprietà è ancora della famiglia Verlato, ora si tratta di Carlo Uberto quondam (figlio del fu) Scipione. E’ censita nel sommarione del Catasto Napoleonico come “casa grande con adiacenze, casa da boari e due mediane, ortolivo vacuo e cortile grande“. La proprietà appare aumentata (oppure frammentata) alla casa padronale si aggiunge una casa da boari (colonica) e due case (forse appartamentini).

Nella mappa del 1830-32 il disegno è molto più accurato, la proprietà è indicata con il n. 610 e viene indicata come “casa in parte colonica“. La barchessa appare più grande rispetto al 1809, forse la barchessa è stata ampliata con la parte a doppia altezza. La proprietà è ancora della famiglia Verlato (“Fraccaroli Alessandro q. (quondam = del fu) Santo e Verlato Lucia q. Carlo alberto, Conjugi“), ma il matrimonio di Lucia Verlato con un Fraccaroli indicano il prossimo passaggio di proprietà. Nel 1842 Lucia Verlato fa testamento e il 21 giugno 1850 la proprietà passa a Fraccaroli Alessandro e alla figlia Paolina Carlotta che diverrà unica proprietaria l’anno dopo.

 

 

villa-verlato-mappa-1830

Mappa catasto austriaco 1830

La villa

La villa è sottoposta a vincolo del Ministero dei Beni e Attività Culturali per la sua importanza.

Il prospetto principale, pur nella sua rusticità e nelle asimmetrie rilevabili nell’ordine inferiore, si riallaccia alla tipologia della casa rurale veneta del tardo quattrocento con il porticato che serviva a ricevere e a mettere al riparo i prodotti della terra. Esempi analoghi a quelli in esame, sia hanno nelle ville Corner Dall’Aglio ora Gabbianelli a Lughignano di Casale sul Sile e Loredan a Posmon (TV).

Ai sensi di quanto espresso costituendo il complesso architettonico una porzione significativa ed essenziale del Comune di Piovene Rocchette e caratterizzando esso un’immagine architettonica di pubblico interesse, si ritiene di sottoporlo alla tutela monumentale ai sensi della legge 1 giugno 1939 numero 1089.

(Relazione storico-artistica del decreto di vincolo)

villa-verlato-1980

Villa Verlato nel 1980 prima che una ristrutturazione troppo pesante alterasse la barchessa che compare sulla destra

E’ anche schedata tra le ville venete di particolare interesse provinciale dal Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale. La scheda descrittiva si può leggere a pag. 137 di questo documento: http://www.provincia.vicenza.it/docurbanistica/d_RelazioniElaborati/d02_NormeTecniche/Allegati/Allegato_A_Schede_Cisa.pdf 

Un’antica giasàra

Sul retro della villa un arco in pietra introduce ad una grotta scavata nel monte. Si tratta di un’antica giasàra, ovvero una ghiacciaia, un luogo fresco dove d’inverno si accumulava neve e ghiaccio che così duravano fino all’estate. Qui venivano riposti i generi alimentari perché non si alterassero.

Ghiacciaia Casa Verlato.jpg

Nel concio di chiave vi è incisa la seguente sequenza di lettere

MDCICVIII

C O V

F I

La data non è facilmente interpretabile; la “I” centrale è anomala: per avere senso dovrebbe essere “X” e la data incisa sarebbe il 1698. Potrebbe anche trattarsi del 1708.

Per quanto riguarda le lettere sottostanti la dott.ssa Margaret Binotto propone di interpretare

  • C = Comes
  • V = Verlato
  • F = Fecit

Resta il dubbio sulle altre lettere.

La villa è anche interessante per gli affreschi che contiene, come vedremo la prossima volta.

Continua …

 

 


NOTE

(1) Nel 1544-’46, la Repubblica di Venezia ordina un Estimo Balanzon per ogni “Vicariato” per scopi scali e le relazioni degli incaricati “estimatori”. Si tratta di un elenco dei beni presenti nei comuni del vicariato, dei possessori e della stima del loro valore .

(2) La documentazione su villa Verlato è presa dalla tesi di laurea degli architetti Marcella Sala e Luca Cavedon PROGETTO PER IL RECUPERO DEL RUDERE DI PALAZZO FRACCAROLI E DI VILLA VERLATO A PIOVENE ROCCHETTE. Anno Accademico 1996-97 relatore arch. Patrizia Paganuzzi. Importante anche la relazione storico artistica della dott. Margaret Binotto scritta in occasione dell’apposizione del Vincolo


APPENDICE

Decreto di Vincolo della Soprintendenza per i Beni Culturali

Il Ministro Segretario di Stato per i Beni Culturali e Ambientali

PIOVENE ROCCHETTE (VI)

Casa Verlato ora Filippi Chiappin

Relazione storico-artistica

 

Il complesso denominato Casa Verlato, ora Filippi Chiappin, sito a Piovene Rocchette invia Libertà, è costituito da due edifici contigui, dei quali è documentata l’esistenza sin dal secolo XVI.

L’edificio principale, il cui primo impianto risale al tardo quattrocento, è caratterizzato da una pianta pressoché quadrangolare a due ampie falde asimmetriche con pendenze diverse; si sviluppa su due piani: al pianterreno si apre un ampio spazio porticato a sei archi a pieno centro sostenuti da sobrie colonne di ordine tuscanico, che scava il compatto volume in corrispondenza del lato lungo ad est.

Struttura verticale è costituita da murature perimetrali e di spina in pietrame misto di notevole spessore; la struttura orizzontale da solai di piano e di copertura in legno.

Lo spazio interno del piano terra è suddiviso dai muri di spina in tre stanze che affacciano direttamente sul porticato antistante; nelle pareti interne di una delle stanze ci sono tracce cospicue io un ciclo di affreschi databile all’ottavo decennio del XVI secolo; alla sommità delle pareti del portico corre un fregio ad affresco con scene bibliche che può essere datato anch’esso alla fine del secolo XVI.

Al piano primo si accede dall’originaria scala che si trova all’interno del corpo di fabbrica contiguo; il vano scala arriva ad un corridoio su cui si affacciano simmetricamente disposte sei stanze.

La facciata, divisa orizzontalmente in due ordini da una semplice fascia aggettante, presenta al piano terra un porticato aperto con sei archi a tutto sesto; all’ordine superiore, accanto ad una porta-finestra con balcone in ferro battuto, compaiono quattro finestre simmetricamente disposte.

Un’altra modanatura piatta, leggermente sporgente, sottolinea l’attacco della copertura dell’edificio.

Il prospetto principale, pur nella sua rusticità e nelle asimmetrie rilevabili nell’ordine inferiore, si riallaccia alla tipologia della casa rurale veneta del tardo quattrocento con il porticato che serviva a ricevere e a mettere al riparo i prodotti della terra. Esempi analoghi a quelli in esame, sia hanno nelle ville Corner Dall’Aglio ora Gabbianelli a Lughignano di Casale sul Sile e Loredan a Posmon (TV).

Nel lato settentrionale la casa comunica con l’edificio adiacente con un ampio arco a tutto sesto, sorretto da due semicolonne toscaniche di fattura uguale a quelle del porticato. Sopra di esso ci sono, in asse verticale, altre due finestre con cornici in pietra.

Nella parte più posteriore ad ovest la disposizione delle finestre è relativamente più regolare con una doppia sequenza di sei aperture di forma rettangolare al pianterreno e di altrettante finestre pressoché quadrate al primo piano.

L’edificio adiacente a quello padronale, che un tempo costituiva l’annesso rustico, risale anch’esso al XVI secolo ed è stato di recente pesantemente ristrutturato.

Ai sensi di quanto espresso costituendo il complesso architettonico una porzione significativa ed essenziale del Comune di Piovene Rocchette e caratterizzando esso un’immagine architettonica di pubblico interesse, si ritiene di sottoporlo alla tutela monumentale ai sensi della legge 1 giugno 1939 numero 1089.

 

3 thoughts on “Villa Verlato 1

  1. Pingback: Villa Verlato oggi | Accogliamo le Idee

  2. Pingback: Villa Verlato 2 | Accogliamo le Idee

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...