Home

Guardate questa foto

Vi piace questo paesaggio?.

Terrazzamenti Collagu-Valdobbiadene.jpg

Quei filari regolari rappresentano la collaborazione tra uomo e natura. Le forze della natura in milioni di anni hanno limato le montagne, spostato rocce di tonnellate fino al piano, scavato valli profondissime, creato creste e picchi.

Poi è arrivato l’uomo e, spinto solo dalla ricerca di terra e cibo, ha modellato quel paesaggio naturale spianandolo a gradi e creando delle piccole aree pianeggianti chiamate terrazzamenti. Su quei terrazzamenti ha piantato mais, ulivi, viti, patate, fagioli, riso qualunque cosa servisse a sfamare la famiglia. Approfittando delle opportunità che gli dava la natura ha creato quella che oggi definiamo bellezza, ma che per i nostri antenati era sopravvivenza.

Qual è quel paese così fortunato?

Tutti.

Se c’è una cosa che ha una diffusione estesa quasi come l’agricoltura quella è il terrazzamento, lo scopriamo quasi ovunque l’agricoltura ha incontrato colline e montagne.

Lo troviamo in Giappone, in Cina, in Perù come nelle Canarie o nello Yemen o in Slovenia.

Date un’occhiata a una limitata rassegna.

Terrazzamenti Cina.jpg

Cina

Terrazzamenti Marocco.jpg

Marocco

Terrazzamenti Yemen.jpg

Yemen

Terrazzamenti Perù.jpg

Perù

Terrazzamenti Slovenia.jpg

Slovenia

Terrazzamenti Croazia.jpg

Croazia

Terrazzamenti Istria.jpg

Istria

Facciamo ora un giro per l’Italia

Terrazzamenti Campania.jpg

Campania

Terrazzamenti Tirano Lombardia.jpg

Tirano Lombardia

Terrazzamenti Trentino.jpg

Trentino

Sono talmente diffusi che in quasi tutte le lingue del mondo c’è un termine che li definisce: calcos, eretas, bocaos, maryada, kmetijske, terrassa, jarka,

E’ stata realizzata una simpatica mappa di sinonimi.

sinonimi di terrazzamenti.jpg

Masiére e terrazzi

terrazzamentiLe masière sono muri in pietra a secco, cioè costruiti appoggiando le pietre le une sopra le altre senza l’uso di malta. Quasi sempre, soprattutto dalle nostre parti, le masière hanno funzione di sostegno del terreno, cioè hanno solo una faccia in vista. Possono essere utilizzate per sostenere sentieri e strade, per tenere il terreno staccato dal muro della casa, per dividere le proprietà.

Quando le masiere sono ripetute vicine tra loro a fini agricoli danno luogo ai terrazzamenti.
Questi, definiti anche coltivazioni a terrazza, definiscono un modo di modellare il terreno che consiste nel costruire murature di pietra a secco al fine di ricavare terreni a bassa pendenza a monte della muratura.

Il terrazzamento non è mai una struttura isolata, ma sempre un insieme di opere capaci di investire e caratterizzare una intera regione geomorfologica. Il sistema di terrazzi con un’azione titanica di cesello dell’ambiente scala i declivi costieri fino a oltre mille metri di altezza, struttura impervie sommità montane, argina i torrenti, rende praticabili profondi baratri e inghiottitoi carsici. I filari di terrazzi si susseguono evidenziando le curve di livello del terreno, modellandosi alla conformazione degli avvallamenti, inarcandosi sui promontori e scavalcando forre e burroni. Il lavorio dei terrazzamenti orna lo spazio di ordinate coltivazioni o lussureggiante vegetazione: ammaestra il paesaggio. Sempre associato con profonde conoscenze nel lavoro della pietra, dell’acqua e del suolo realizza un perfetto controllo della natura dei luoghi così da sembrare originato da questa natura stessa” (1)

A cosa servono i terrazzamenti?

Il terrazzamento assolve a una serie di funzioni più complessa del semplice sfruttamento agricolo:

  • in primo luogo permette l’uso agricolo del terreno là dove la pendenza non permetterebbe altro che bosco o pascolo
  • ha una importante funzione di tutela di versanti e riduce la possibilità di ruscellamento dell’acqua e di conseguenza di erosione del fianco del monte
  • spesso i terrazzamenti creano terreno sufficientemente pianeggiante anche per la costruzione di edifici d’abitazione o più frequentemente di servizio per l’attività agricola
  • nelle zone aride o carsiche del sud europa (Spagna, Portogallo, Francia, Italia, Grecia) i terrazzamenti integrano anche delle cisterne ipogee (interrate) per la raccolta dell’acqua che verrà poi utilizzata per l’agricoltura, se opportunamente disposte ombreggiano il suolo e vi trattengono l’umidità
  • nelle zone più fredde il muro in pietra ha l’importante funzione di accumulare calore durante il giorno per poi restituirlo nelle ore più fredde, salvando le coltivazioni dalle gelate

Nella sua opera di riduzione del bosco e di modifica dei versanti va a creare un paesaggio molto caratterizzato, considerato di grande pregio.

Perché ne parliamo?

Perché i terrazzamenti hanno avuto un ruolo insostituibile per la sopravvivenza delle famiglie. Nelle valli venete hanno permesso la sopravvivenza in luoghi dove il terreno agricolo era raro.

La modellazione agricola ha così generato un paesaggio di grande pregio che oggi è dimenticato e nascosto dagli alberi. Eppure riscoprendoli e riportandoli in vista si avrebbero grandi benefici dal punto di vista:

  • turistico
  • della difesa del suolo
  • delle produzioni agricole di qualità e di nicchia

Problema complesso cui ci dedicheremo prossimamente.

 

 


(1) Pietro Laureano,  Il sistema dei terrazzamenti nel paesaggio euromediterraneo. Articolo tratto dal sito di Italia Nostra sezione di Salerno, http://www.terrazzamenti.it/a_laureano.asp


… a proposito

Sapete dove è stata scattata l’immagine iniziale, quella che ha aperto l’articolo?

Sulle colline trevisane.

One thought on “Terrazzi sul mondo

  1. Pingback: Terrazzi sul Veneto | Accogliamo le Idee

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...