Home

ANZIANI

IndiceVecchiaiaUn piovenese su 5 ha oltre i 65 anni e la quota di popolazione anziana è destinata a crescere con l’allungamento della durata della vita.

Va privilegiata l’assistenza a domicilio piuttosto che lo spostamento dell’anziano in strutture comunitarie. Oggi l’assistenza “a domicilio” si basa su 4 pilastri:

  • centro diurno presso l’ex casa Galiotto (fornita dal Comune)
  • fornitura pasti a domicilio (Comune)
  • assistenza domiciliare (Comune)
  • uso di badanti (a carico della famiglia)

Proponiamo dicasa Galiotto

  • potenziare il centro diurno presso l’ex casa Galiotto
  • mantenere la fornitura dei pasti a domicilio
  • stipulare un accordo con l’ULSS per aumentare l’assistenza domiciliare
  • convenzionare un’assistenza anche notturna dell’anziano in casa
  • in questo modo si potrà rendere meno oneroso l’onere di una badante
  • assistenzacoinvolgere le associazioni di volontari nell’assistenza degli anziani similmente a quanto fa oggi la Banca del Tempo (trasporto anziani a visite, …)
  • aderire al programma “Guadagnare salute” promosso dall’ULSS e realizzare una città più sana che favorisce le relazioni e faciliti le possibilità di spostamento

CENTRO DI VIA STADIO

DSCN0224La struttura chiamata “Centro Polivalente di via Stadio” riguarda 2 stralci

  • il primo stralcio dei lavori riguarda 16 appartamenti,
  • il secondo stralcio riguarda strutture già esistenti in centro:
    • centro diurno
    • centro di assistenza integrata

Il primo stralcio è già approvato, finanziato e appaltato.

Il costo del solo secondo stralcio ammonta, in preventivo, a 2,6 milioni di euro (oltre il 40% del bilancio annuale dl nostro comune). E’ una cifra imponente e va valutata l’opportunità del suo impiego.

Occorre:

  • dimensionare il futuro centro per anziani in base a una previsione realistica del servizio che deve fornire (quanti anziani avremo tra 10-15 anni, quanti utilizzeranno il centro diurno, ecc?)
  • fare una valutazione seria sulla convenienza di un investimento così massiccio,
  • conteggiare gli eventuali finanziamenti a favore del comune e le eventuali convenzioni già firmate

Occorre anche:

  • Casa Galiotto ampliamentovalutare attentamente i costi e i benefici dell’ampliamento del centro diurno in centro dato che gli immobili adiacenti al centro diurno sono di proprietà comunale
  • comparare le alternative

Solo alla fine di questa valutazione comparata sarà possibile fare una scelta. Purtroppo oggi noi cittadini non siamo in grado di valutare la bontà delle scelte proposte dall’attuale amministrazione perché l’attuale amministrazione ha privilegiato propagandare le proprie scelte tramite slogan senza fornire informazioni attendibili e senza fornire alternative credibili.

STRANIERI

Oggi a Piovene abbiamo più residenti stranieri che in qualunque altro comune del circondario (il triplo di Santorso, il quintuplo che a Cogollo d. C.).

Stranieri AV

Dopo il 2012, uno straniero che chiede un permesso di soggiorno deve sottoscrivere, in questura, un “Accordo di integrazione” nel quale deve impegnarsi ad apprendere la lingua italiana e “i valori di libertà, eguaglianza e democrazia posti a fondamento della Costituzione”. Solo se accetta e aderisce a questo programma può chiedere un permesso di soggiorno più lungo.

Per gli stranieri già presenti in Italia in data anteriore al 2012 questo è dato per scontato, ma non è detto che sia avvenuto. E’ necessario promuovere lo stesso percorso anche per gli stranieri già presenti in Italia prima del 2012.

Va promossa l’organizzazione di

  • Corsi di Italiano per giovani e adulti
  • Nei corsi di lingua vanno inserite nozioni di educazione civica (e la corretta separazione di rifiuti) per sottolineare il rispetto delle regole comuni
  • Corsi di italiano per bambini prima che entrino nella scuola materna o elementare in modo che non creino ostacolo alla programmazione scolastica
  • Corsi di italiano per le giovani mamme in modo che i bambini in età pre-scolastica imparino già l’italiano a casa

DIPENDENZE

siringaPiovene Rocchette non ha situazioni particolarmente critiche per quanto riguarda le dipendenze, ma la situazione va attentamente monitorata. Purtroppo nelle fasce di popolazione più giovane si assiste a un aumento di casi di dipendenza e tra le sostanze è ricomparsa l’eroina.

PROPOSTE

  • Prevenzione tramite informazione nelle scuole (chiamare Sert e educatori, …)
  • Prevenzione tramite proposte alternative di aggregazione giovanile.
  • Favorire la nascita di gruppi di auto aiuto.
  • Creare uno sportello di ascolto per le famiglie, tenuto da volontari.

azzardoUn’attenzione particolare deve essere dedicata all’emergente fenomeno di dipendenza dal gioco d’azzardo (ludopatia). I casi sono raddoppiati in 2 anni. Vanno promosse le iniziative di prevenzione già sopra descritte solo che, in questo caso, la prevenzione fa effettuata anche fuori dalla scuola dato che questa dipendenza colpisce soprattutto gli adulti.

Va valutato un appoggio anche fiscale ai locali che scelgono di non installare giochi d’azzardo.

FAMIGLIE E DISABILI

Vanno favorite tutte le iniziative che possano aiutare le famiglie ad educare persone in difficoltà. Esistono associazioni che si occupano appositamente di questo. Esse possono collaborare a tutte le iniziative che coinvolgono la collettività. Si possono trovare occasioni di collaborazione e coinvolgere i ragazzi disabili nella organizzazione di feste in piazza e altre iniziative sportive, ricreative e culturali.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...